Marco Tarchi | Il fasciocomunista

Autore: Antonio Pennacchi
Titolo: Il fasciocomunista
Edizioni: Mondadori, Milano 2007
Pagine: 391

È sempre difficile, quando ci si trova davanti a un romanzo che ricalca avvenimenti tratti dalla cronaca, stabilire dove passi il confine tra realtà e fantasia. E spesso non ha alcuna utilità il farlo, perché la narrazione basta a se stessa, come produttrice di emozioni, senza dover prendere a prestito alcunché da quel deposito di cose ormai inanimate che è il vissuto di altre epoche della storia, propria o altrui. Ci sono tuttavia casi in cui la lettura provoca il ricordo di chi la sta praticando in un modo così lancinante da obbligarlo a porsi qualche interrogativo sulla veridicità delle vicende narrate, magari non per dissipare la sensazione che lo scrittore le abbia deformate, ma per saggiare se, davvero, anche l’autore le abbia vissute con il medesimo spirito con cui le ha attraversate il lettore, come – sorprendentemente – di primo acchito sembrerebbe. E questo è proprio quel che è accaduto al recensore mentre scorreva le prime 230 pagine de Il fascio comunista, una lettura indotta, più che da qualche parere favorevole orecchiato negli scorsi anni, dalla visione del film liberamente ricavato dal libro, Mio fratello è figlio unico, e dalla sensazione di curiosità e, assieme, di appetito non del tutto soddisfatto, che la pellicola aveva lasciato allo spettatore. Leggi tutto “Marco Tarchi | Il fasciocomunista”